, ,

Art-Snapchat: la nuova versione dell’arte passa tramite le Jeff Koons Lens

Che la realtà aumentata fosse ormai entrata nella nostra quotidianità ne era una cosa sicura. Ma quando realtà aumentata e in questo caso il nome di riferimento si chiama Snapchat si unisce nella promozione di opere artistiche la musica finale è un po diversa dalle aspettative.

La novità arriva con il lancio di Art-Snapchat (visionaile al sito art.snapchat.com) con un testimone d’eccezione noto per le sue opere di gusto kitsch: Jeff Koons.

L’artista che è il primo ad aderire grazie a una partnership con l’applicazione, consente agli utenti di interagire con le sue opere posizionate in tutto il mondo e visionabili solo tramite una realtà aumentata.

La nuova tecnologia (presentata dal Ceo e fondatore Evan Spiegel nel corso di un evento a Los Angeles) si basa sulle tecnologie della startup Cimagine, una società israeliana acquistata da Snapchat lo scorso dicembre.

I cani a palloncino famosi di Koons sono tra le nove sculture di cui Art-Snapchat ha creato rappresentazioni virtuali poi digitalmente “installate” in nove grandi parchi e punti di riferimento a Londra, New York, Chicago, Las Vegas, Rio de Janeiro, Washington D.C., Toronto e Sydney.

A partire da qualche giorno, gli utenti di Snapchat che si trovino entro  i 300 metri di questi siti vedranno le opzioni per attivare la “Jeff Koons Lens” e quindi seguire una guida su schermo che li condurrà  alla versione di una scultura.

Fondamentalmente, Snapchat ha creato una caccia al tesoro in cui l’oro che stai cercando è un’immagine lucida dell’artista, con cui ti puoi scattare un selfie. 

jeff-koons-snapchat

jeff-koons-snapchat

Koons , grande nome di riferimento a livello mondiale, sembra però essere solo all’apertura delle danze della grande ricerca di artisti messa in campo da Snapchat, che sembra avere voglia e intenzione di coinvolgere il più possibile la community, invitando chi voglia piazzare i propri lavori a farsi avanti e registrarsi, segnalando le proprie creazioni (tramite sito web art.snapchat.com). Un pulsante nella parte superiore del sito web del progetto accoglie gli artisti a presentare un link al loro portafolio.

Il video promozionale di Art-Snapchat mostra la nuova funzionalità in azione e include scene soleggiate di giovani cyborg che vagano in giro per un parco, mentre tengono lo smartphone in mano.

con Art-Snapchat “centinaia di persone possono farlo nello stesso momento”, esclama Koons nel video. “E pensare che saremo in grado di metterli in grandi città di tutto il mondo. Potrebbe essere l’Inghilterra, potrebbe essere la Francia. Potrebbe essere sulla luna.”

Anche se tutto ci risuona alla memoria come l’ennesimo lancio di un (per fortuna lontano) Pokemon Go, staremo a vedere se snapchat riuscirà a riconquistare il suo pubblico perso.