7 tattiche di personalizzazione dell’e-commerce da utilizzare al più presto

In questo articolo, esamineremo esempi di personalizzazione di e-commerce dimostrati per vendere di più, fidelizzare i clienti e aumentare il lifetime value.

Il futuro dell’ecommerce appartiene ai brand che creano esperienze uniche, che catturano l’attenzione e fanno tornare i clienti. Per fare questo, il 94% delle aziende ritiene che la personalizzazione sia fondamentale per il loro successo attuale e futuro.

Ovviamente, la personalizzazione online è facile quando il numero di SKU e la base clienti sono nel numero medio-basso.

Sfortunatamente, quando quei numeri salgono a centinaia di migliaia e oltre, trovare una soluzione semplice ma redditizia è travolgente.

Con degli esempi mostreremo come queste 7 tattiche sono indispensabili per un e-commerce di successo :

  1. Sfrutta i suggerimenti intelligenti sulle pagine di dettaglio dei prodotti
  2. Mostra acquisti continui per clienti di ritorno
  3. Crea elenchi di bestseller personalizzati per incentivare i click-through
  4. Integrazione del contenuto generato dagli utenti nella tua canalizzazione
  5. In-Session di retarget basato su trigger comportamentali
  6. Tempo di retargeting sociale con raccomandazioni intelligenti
  7. Automatizza tre tipi di email personalizzate

Ma vediamo alcuni esempi e capiamo come la personalizzazione è solo una parte di ciò che aiuta il commerciante medio ad avere il massimo.

1. Sfruttare suggerimenti intelligenti sulle pagine dei prodotti

L’idea alla base delle raccomandazioni della pagina dei dettagli di prodotto (PDP) in un e-commerce è quella di mostrare prodotti simili o complementari a quelli a cui sono già interessati i nostri utenti. È possibile sfruttare l’up-selling dinamico raccomandando articoli con un prezzo più alto ma simili nello stile o marchio (quelli con margini più elevati è dimostrato che hanno migliori conversioni).

Essenziali sono le recensioni dei clienti (una tattica vedremo più da vicino in basso). Di seguito un esempio dell’ e-commerce del marchio Pura Vida Bracelets, che ha due categorie di raccomandazioni sulle loro pagine di prodotto:

Entro il primo anno, questa combinazione ha generato:

  • Raccomandazioni 24 M e clic + 1,6 MM
  • Tasso di conversione medio del 7.9%

Le buone raccomandazioni consentono agli acquirenti di passare alle categorie complementari associate. Ad esempio, l’e-commerce di Oka Furniture consiglia divani simili a una poltrona.

Analogamente agli acquisti continui, la cronologia di navigazione su PDP semplifica il ritorno agli elementi visualizzati in precedenza. Le raccomandazioni PDP non solo rendono l’esperienza di acquisto migliore per i clienti, ma hanno dimostrato di essere uno dei nostri approcci di maggior successo per un e-commerce.

2. Raccomandazioni di acquisto per i clienti che ritornano

“Continua a guardare” è una delle funzionalità più potenti create da Netflix. Queste sono le raccomandazioni di acquisto continuo, ed è una delle tattiche che consigliamo di più ai rivenditori ad alta crescita.

Allo stesso modo, questo approccio ricorda le voci e le preferenze selezionate del visitatore attraverso le sessioni precedenti e rende più facile per loro riprendere da dove avevano lasciato. Anche se questo non è un algoritmo molto complesso, ha dimostrato di essere molto prezioso rendendo più facile per i tuoi visitatori acquistare su e-commerce.

3. Creare elenchi di bestseller personalizzati per incentivare i click-through

Le persone sono attratte dai prodotti popolari. Queste sono le basi di tutti i venditori on line di libri e musica che sono in grado di sfruttare al massimo la magia della lista dei bestseller.

Essenziale tener presente che i bestseller si basano sulla variante del tempo . Su questo puoi mostrare i prodotti più venduti nelle ultime 24 ore oppure eseguire lo zoom nell’ultima ora, a seconda della quantità di traffico che hai

Su questo approccio puoi decidere molte varianti: invece di classificare i prodotti in base alle vendite, prova a visualizzare i più recensiti o dividi i dati in base alla posizione. Trova quali fattori funzionano meglio per i tuoi prodotti e risuonano maggiormente con i tuoi visitatori.

il negozio e-commerce di Alloy Apparel, ad esempio, prende di mira i visitatori per località e personalizza di conseguenza i loro più popolari:

4. Integra il contenuto generato dagli utenti nella tua canalizzazione

Il contenuto generato dall’utente (UGC) può portare un’altra dimensione al tuo sito. Pubblicando foto, video e recensioni dai clienti, i visitatori hanno la possibilità di vedere il tuo prodotto nella vita reale.

Lo studio di riferimento di Yotpo su 559.276.000 acquirenti online ha rilevato che il tasso di conversione medio dei visitatori che hanno visto UGC è superiore del 166% rispetto a chi non lo ha fatto.

Sfortunatamente, la maggior parte delle aziende non riesce a integrare UGC in tutta la canalizzazione interna, limitando il suo utilizzo alla valutazione di pagine prodotto o condivisioni sui social media.

Cosa stanno facendo invece le migliori marche?

SeaVees rende UGC attraverso Instagram prominente nella sua homepage collegandosi direttamente a una raccolta curata di post acquistabili, molti dei quali sono presentati dai clienti attraverso l’hashtag con marchio SeaVees:

Campus Protein colloca l’UGC al centro aggiungendo valutazioni a quasi l’intero catalogo prodotti e inquadrando i prodotti della propria home page sotto due sottotitoli ispirati a UGC:

Oltre alla loro homepage, presentano anche un carosello di UGC ispirato a Instagram nella parte inferiore di ogni pagina di prodotto che può essere espansa per rivelare il post completo, originale:

5. Retarget In-Session basato su trigger comportamentali

Il retargeting offsite ha un enorme impatto sulle vendite quindi perché non iniziare in loco? La chiave è non essere troppo invadente con i tuoi popup; ma invece, intuitivo.

Puoi farlo sincronizzando o attivando le tue offerte popup per abbinare il comportamento di ogni visitatore durante la sessione.

Ai visitatori per la prima volta dovrebbero essere offerti sconti e promozioni esclusivi in modo da essere più propensi ad acquistare nel tuo e-commerce.


Una volta che qualcuno ha aggiunto articoli al carrello, gli sconti su più livelli possono aumentare il valore medio degli ordini


Dope mostra un’alternativa a uno sconto diretto – spedizione gratuita con una soglia di prezzo


I popup di Exit-intent dovrebbero offrire sconti profondi con forti incentivi come ultima offerta “Ma aspetta, c’è di più”

È possibile attivare questi popup tramite l’automazione in base a fattori come il numero di sessioni, il valore del carrello e il comportamento di navigazione (sia cronologici che in tempo reale).

6. Tempo di retargeting sociale con raccomandazioni intelligenti

Anche se un visitatore lascia il tuo sito, ci sono modi per richiamare la loro attenzione attraverso il retargeting sul social. Per fare in modo che questo approccio abbia successo, devi scegliere saggiamente i tuoi tempi e i prodotti promossi.

Una delle cose più eccitanti che puoi fare è il retargeting granulato: il valore di un visitatore del sito diminuisce quanto più a lungo sono stati lontani dal tuo sito, quindi puoi risparmiare molto sulla spesa pubblicitaria stratificando il tuo retargeting al diminuire del valore.


Retarget funzionale è sui clienti che hanno visitato il tuo negozio con prodotti consigliati in base al loro precedente comportamento di acquisto


Gli annunci di recupero del carrello abbandonati in un e-commerce possono servire esattamente ciò che un visitatore ha lasciato

7. Automatizza tre tipi di email personalizzati

Se il visitatore ha condiviso il suo indirizzo email con te , puoi anche riconnetterti con loro nella loro casella di posta. Esistono tre tipi di email che attirano la loro attenzione:

Email di carrello abbandonate: mentre l’ottimizzazione dei checkout è fondamentale per ridurre i carrelli abbandonati , alcuni visitatori potrebbero semplicemente non aver ricordato che stavano facendo shopping. In questo caso, puoi spostare la memoria con una email di carrello abbandonata.

Morvélo invia ai clienti un’email con gli oggetti che hanno lasciato sul loro sito per incoraggiare un acquisto.Puoi anche usarlo come un modo per catturare l’attenzione del visitatore.

Ad esempio, Dope mostra un pop-up dopo che un visitatore aggiunge un articolo al suo carrello:E-mail “We Miss You”: se si sono dimenticati del loro carrello, c’è la possibilità che abbiano dimenticato anche il tuo negozio. Non è un problema – puoi spingerli con una gentile email per coinvolgere nuovamente i visitatori e annunciare nuovi, eccitanti prodotti e ricordare al visitatore ciò che hanno guardato in passato.

Ordina le email di follow-up: il checkout è solo l’ inizio della tua relazione con un acquirente . Effettua il check-in con gli acquirenti e fornisci consigli personalizzati sui prodotti in base agli ordini precedenti. Ecco come funziona ergoPouch:

Tirando le somme, studi hanno confermato come se un’azienda aumenta la sua fidelizzazione di un semplice 5 percento, vedrebbe un aumento dei profitti tra il 25 e il 95 percento. Dal lato del venditore è anche l’opzione più economica, dal momento che è tra il 5 e il 25% più costoso per te per ottenere nuovi clienti piuttosto che per mantenere quelli attuali.

La personalizzazione distingue il tuo marchio dagli altri e crea una relazione tra la tua attività e i tuoi clienti. Armati di queste tattiche e vedrai migliorare la fidelizzazione dei clienti, dando vita a un futuro sostenibile e di successo per la tua azienda.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *